Emozioni vecchie e nuove

Siamo ad Arequipa, Maria Pilar già dorme, le nostre cose sono state sistemate in casa (abbiamo preso un appartamento in affitto che documenteremo con la luce del sole), adesso non ci resta che aspettare domani mattina, quando incontreremo Samuel.

Fino a questo momento mi era sembrato di non essere partita affatto, dopo tutte quelle ore di volo trovare un posto così familiare da sentirsi a casa, riconoscere i luoghi, gli incroci, i giardini, sapere in quale via andare per comprare una cosa, riconoscere la chiesa parrocchiale… tutto faceva pensare che il viaggio ancora non era iniziato. Le emozioni vissute in questi posti sono state talmente grandi da creare un legame unico, di quelli che si può avere solo con i luoghi speciali dell’infanzia.

wpid-img_20141111_055152.jpg

Stamani poi quando siamo stati al DGA (Direction General di Adopcion) per il colloquio con la psicologa e l’avvocato che seguono il caso, beh, che dire, è stata una chiacchierata semplice e tranquilla, come fossimo a Prato dall’ente (sì mi ricordo che vi siete trasferite!), che si è conclusa con i complimenti a Maria per la bellissima medaglia di SORELLA MAGGIORE che portava al collo e i complimenti alla nonna che l’aveva confezionata. Ovviamente dicendo semplice e tranquilla non intendo dire senza significato, ci hanno spiegato bene quali sono le peculiarità di Samuel e cosa ci dobbiamo aspettare per domani affinché anche noi siamo preparati all’incontro; qui ti vogliono vedere bene in faccio prima di affidarti un loro TESORO (che i loro figli sono tesori i peruviani te lo dicono subito all’aereoporto mentre fai l’immigrazione con dei poster formato gigante… quindi occhio.. trattali bene).

Adesso però comincia il pezzo di strada nuovo, tutto da scoprire, città sconosciuta, figlio sconosciuto, adesso comincia il batticuore non più solo per i ricordi intensi dello scorso viaggio ma anche per l’attesa e la trepidazione per domani.

Buona notte!

8 pensieri su “Emozioni vecchie e nuove

  1. Buongiorno perchè quì è già giorno, nuvoluso ma giorno ed è l’11 novembre, San Martino che sotto il suo mantello nasconde un bel bambino!

  2. Ancora non ho preso pratica con questo marchingegno,volevo scrivere ancora ma mi
    è scappato il messaggio. Forse è meglio così!
    Benvenuto Samuèl in questa grande, sgangherata, variopinta famiglia che ti stà
    aspettando a braccia aperte.
    Un abbraccio
    nonna

  3. noi siamo tutti quì in trepidante attesa e siamo senza parole …… sembra di essere in sala attesa ad aspettare che la partoriente giunga alla fine del percorso e qualcuno venga ad annunciare il lieto evento…

  4. ho il cuore che batte leggendo…..ho fatto questa esperienza 4 anni fa e mi sembra di rivivere quel momento .è una cosa meravigliosa…..auguri

  5. Dai ragazzi ho visto i primi video grazie a un amico infiltrato. …… lo so facendo vedere a tutti dovendo loro sono miei amici. …..sono orgoglioso di voi ma soprattutto bello vedere la mapi con Samuel giocare già nel parco. ….con ansia aspetto il racconto della giornata

  6. Finalmente stasera siamo riusciti a vedere due brevissimi filmati, (è veramente bello). Benissimo, attendiamo felici qualsiasi cosa ci parli di voi tutti.
    Babbo e mamma

I commenti sono chiusi.